Commercianti in difficoltà: come ottenere un prestito

La pesante crisi economica che sta vivendo il nostro paese fa sì che molti commercianti rischino di chiudere la loro attività. Per evitare ciò è possibile richiedere un finanziamento: esistono, infatti, prestiti studiati non solo per chi dà vita ad una nuova impresa, ma anche per chi ha la necessità di ottimizzare la propria situazione economica facendo gli opportuni investimenti. Vediamo come ottenerli.

negozio

Prima di fare la richiesta del prestito, è indispensabile stabilire la cifra necessaria agli investimenti desiderati. Da tenere presente che maggiore sarà il prestito, maggiore sarà l’entità delle rate. Se, al contrario, si richiede un prestito non superiore ai 10mila Euro, si dovranno dare meno garanzie alla banca e si potranno completare i pagamenti in tempi ridotti. In tutti i casi, è necessario consegnare in banca i documenti che dimostrano i profitti dell’attività: è sufficiente la dichiarazione dei redditi, insieme ad una proiezione delle vendite una volta avuto il finanziamento. Per i piccoli importi non serve altro, ma per prestiti a medio o lungo termine potrebbe anche venire richiesta un’ipoteca sul negozio.

Visti i momenti difficili, alcune banche possono andare incontro ai clienti dando l’opportunità di ritardare il piano di ammortamento a tempi migliori, oppure di far saltare una rata. È consigliabile controllare attentamente se sono presenti queste condizioni nel contratto e, in tal caso, approfondire gli aspetti pratici. Così facendo, si scongiureranno brutte sorprese e si vivrà con tranquillità il periodo di validità del prestito.

Chiudiamo dicendo che questo tipo di offerte è molto raro: le banche le usano per attirare nuova clientela, proponendo piani ad hoc per un periodo contenuto di tempo. È quindi opportuno chiedere alla propria filiale se sono attive promozioni o, in caso contrario, cercare nei siti comparatori online le migliori tariffe.
Se non si riesce ad ottenere un prestito finalizzato, si può puntare sui prestiti personalizzati senza obbligo di motivazione in banca. Ci si assicura la stessa cifra, esibendo le medesime garanzie, senza però dover rendere palesi le proprie difficoltà economiche.